Home / NEWS / DICE LA VERITA’ SULLA GUARDIA DI FINANZA, COSI’ UN PROFESSORE UNIVERSITARIO PASSERA’ PARECCHI GUAI

DICE LA VERITA’ SULLA GUARDIA DI FINANZA, COSI’ UN PROFESSORE UNIVERSITARIO PASSERA’ PARECCHI GUAI

A LEGGERE QUOTIDIANAMENTE LE CRONACHE DEI GIORNALI, NON VEDIAMO COSA CI SIA DI COSI’ SCANDALOSO NELLE PAROLE DI QUESTO ILLUSTRE DOCENTE. UFFICIALI ARRESTATI PER TANGENTI, MULTE AI GELATAI CHE NON FANNO LO SCONTRINO DOPO AVER REGALATO UN CONO AD UN BIMBO. COME LE CHIAMIAMO QUESTE VESSAZIONI? LUI LO HA DETTO CHIARAMENTE…

tratto da Il Resto del Carlino

Bologna, 17 giugno 2017 – Avrebbe definito l’atteggiamento ispettivo della Guardia di Finanza a metà strada tra “il camorrista e il mercato delle vacche”. Per questo, un docente dell’Alma Mater, Andrea Carinci, avvocato, 47 anni da compiere, professore ordinario di diritto tributariodella Scuola di Giurisprudenza, è indagato dalla Procura di Ravenna per vilipendio delle forze armate. La frase incriminata sarebbe stata pronunciata dal docente durante un convegno accreditato dall’Ordine degli Avvocati, il pomeriggio del 6 aprile, al Gran Hotel Mattei della città bizantina.

Carinci era tra i relatori dell’incontro. Ha preso la parola per secondo e, davanti a una platea di un centinaio di persone, ha pronunciato la frase, finita ora al vaglio della magistratura. In sala le reazioni sono state diverse. C’è chi ha riso, chi ha abbozzato un sorriso, percependo che qualcosa strideva; e chi invece, come nel caso di almeno un noto avvocato del Foro ravennate, si è avvicinato ad alcuni militari delle fiamme gialle del comando provinciale ravennate presenti in sala per manifestare il suo disappunto. I finanzieri stavano assistendo alla conferenza, una cosa del resto usuale per quanto concerne convegni a tematiche di diritto tributario. Non è chiaro se stessero prendendo appunti durante la relazione o se per quel tipo di convegni è previsto che gli organizzatori registrino tutto. Per certo, come atto dovuto, i finanzieri avranno poi riferito su scala gerarchica: è probabilmente questa la via con la quale la questione è giunta fino in Procura. Una notizia che in breve è rimbalzata tra università e foro.

 

 


Intervento anti-tasse di Lucio Chiavegato

 

L’indagato, difeso dall’avvocato bolognese Alessandro Cavallari, come lui stesso ha riferito, è già stato sentito in procura. “E ha risposto alle domande del pm, mettendosi a disposizione della magistratura, per fare luce su questa vicenda – ha spiegato il legale –. La sua era una critica a un sistema, non certo all’istituzione della Guardia di finanza. Ci auguriamo che questo venga presto chiarito”.

“Sono molto sorpreso da tutta la vicenda”, è stato il commento del professor Carinci, che non è entrato nel dettaglio del contenuto dell’interrogatorio perché “ancora in attesa delle determinazioni del pm. Sono stupito – ha aggiunto – non solo perché tengo decine di convegni ogni anno, che spesso hanno militari della Guardia di finanza sia come uditori sia come relatori, e non ho mai avuto problemi di sorta, ma soprattutto perché non ho mai avuto intenzione (non avendone del resto alcun motivo) di offendere la Guardia di finanza. La mia intenzione è sempre stata, semmai, in quello come in tanti convegni e pubblicazioni fatte, quella di criticare talune storture del sistema, che nella mia attività scientifica e professionale ho potuto rilevare”.

ISCRIVITI ALLA NUOVA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI) 

loading...

Check Also

LA GRANDE TRUFFA DI LUIS VUITTON: ECCO DOVE PRODUCE DAVVERO LE SCARPE CHE PAGHI MIGLIAIA DI EURO

tratto da Il Secolo XIX Genova – Fatte a mano in Francia o in Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *